VIGILANZA: BLOCCO DELLO STRAORDINARIO IN EMILIA ROMAGNA

Decorrenza dal 20/12/2019 al 18/01/2020.

Addì, 9 dicembre 2019, alle ore 10.00,

presso la sede dell'istituto di vigilanza La Patria, sito in Bologna, si sono incontrati: 

Le associazioni datoriali regionali:
-     ASSIV, rappresentata da Giovanni Pollicelli,
-    ANIVP, rappresentata da Luciano Patuelli (a mezzo delega)
-    Lega Coop Servizi, rappresentata da Luciano Patuelli
   Confcooperative Lavoro e Servizi, rappresentata da Francesco Zanoni

E le OOSS Regionali:
   FILCAMS CGIL Emilia-Romagna, rappresentata dal segretario generale, Paolo Montalti
   FISASCAT CISL Emilia-Romagna, rappresentata dal segretario generale, Michele Vaghini
-    UILTUCS Emilia-Romagna, rappresentata dal segretario generale, Aldo Giammella

Alla presenza di una nutrita rappresentanza delle OOSS territoriali e/o RSA aziendali

Dopo ampia e approfondita discussione le parti hanno preso atto che alla data odierna non sussistono le condizioni per la sottoscrizione di un accordo e, pertanto, la procedura si ritiene conclusa con esito negativo.

Vista la corrispondenza intercorsa (Avvio procedura di raffreddamento e di conciliazione), nonché il verbale di mancato accordo sottoscritto in data odierna, siamo a comunicare lo stato di agitazione ed il blocco del lavoro straordinario per tutti i dipendenti da istituti di vigilanza con decorrenza dal 20/12/2019 a 18/01/2020.

Il blocco del lavoro straordinario, pur non rientrando nella procedura in parola relativamente alle procedure di raffreddamento, è da intendersi anche per i cosiddetti servizi fiduciari.

Vedi allegato, mancato accordo pdf.
 

test: