La UILTuCS Emilia-Romagna si prefigge di rappresentare le lavoratrici e i lavoratori del terziario. Dare forza al lavoro.

Indirizzo
Via delle Lame, 98 – 40121 – BOLOGNA (BO)

Informazioni per i contatti
Email: [email protected]
PEC: [email protected]
Telefono: 051/550502
Fax: 051/550918

Altre informazioni
E’ aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 (festivi esclusi)

Telefono 051/550502 – Fax 051/550918

Image Alt

UILTuCS ER

  /  Notizie   /  Azioni concrete dall’ ente bilaterale del terziario E.BI.TER.BO

Azioni concrete dall’ ente bilaterale del terziario E.BI.TER.BO

Bologna, 29 luglio 2020

L’Ente Bilaterale del Terziario di Bologna Ebiterbo, erogherà contributi economici ai lavoratori dipendenti di aziende del commercio e dei servizi nei casi di riduzione della prestazione lavorativa causa Covid-19.

Inoltre sono stati previsti importanti strumenti di sostegno al reddito e incrementate le misure di Welfare contrattuale, nonché contributi alle aziende che hanno adottato le misure di rafforzamento della prevenzione e sicurezza previste per il contrasto ed i contenimento del Covid19.

Questo è quanto prevede l’accordo sottoscritto il 14 luglio da Confcommercio Bologna e dalle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs UIL.

L’accordo che integra e potenzia i precedenti di marzo e aprile sullo stesso tema, impegna, complessivamente, un milione e mezzo di euro e prevede un contributo economico ai lavoratori il cui reddito sia stato ridotto a causa dell’emergenza sanitaria con accesso agli ammortizzatori sociali Covid-19. Inoltre, proseguendo sulla strada del riconoscimento di Welfare contrattuale anche per le aziende del Terziario, che si caratterizzano per essere di piccole e medie dimensioni, sono state
implementate le relative prestazioni con un contributo, per la serenità abitativa rivolto a lavoratori titolari di mutuo prima casa o di contratto di locazione e per l’assistenza, genitoriale al figlio minore (info su Ebiterbo.it).

Queste misure rappresentano una risposta concreta alla crisi economica causata dall’emergenza sanitaria che sta attanagliando, da troppo tempo, le imprese del commercio e dei servizi dell’area metropolitana di Bologna. In un contesto caratterizzato ancora da ritardi nella percezione delle prestazioni e nell’attuazione dei provvedimenti statali, abbiamo, ancora una volta, dimostrato che il sistema della bilateralità può contribuire a svolgere un importante ruolo di supporto per le realtà
economiche del Terziario- dichiarano le Parti sociali firmatarie dell’accordo territoriale straordinario, Confcommercio Bologna, Filcams Cgil Bologna, Fisascat Cisl Area metropolitana Bolognese e Uiltucs Emilia Romagna.

L’Ente Bilaterale del Terziario di Bologna Ebiterbo, erogherà contributi economici ai lavoratori dipendenti di aziende del commercio e dei servizi nei casi di riduzione della prestazione lavorativa causa Covid-19. Inoltre sono stati previsti importanti strumenti di sostegno al reddito e incrementate le misure di Welfare contrattuale, nonché contributi alle aziende che hanno adottato le misure di rafforzamento della prevenzione e sicurezza previste per il contrasto ed i contenimento del Covid19.
Questo è quanto prevede l’accordo sottoscritto il 14 luglio da Confcommercio Bologna e dalle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs UIL.

L’accordo che integra e potenzia i precedenti di marzo e aprile sullo stesso tema, impegna, complessivamente, un milione e mezzo di euro e prevede un contributo economico ai lavoratori il cui reddito sia stato ridotto a causa dell’emergenza sanitaria con accesso agli ammortizzatori sociali Covid-19. Inoltre, proseguendo sulla strada del riconoscimento di Welfare contrattuale anche per le aziende del Terziario, che si caratterizzano per essere di piccole e medie dimensioni, sono state
implementate le relative prestazioni con un contributo, per la serenità abitativa rivolto a lavoratori titolari di mutuo prima casa o di contratto di locazione e per l’assistenza, genitoriale al figlio minore (info su Ebiterbo.it).

Queste misure rappresentano una risposta concreta alla crisi economica causata dall’emergenza sanitaria che sta attanagliando, da troppo tempo, le imprese del commercio e dei servizi dell’area metropolitana di Bologna. In un contesto caratterizzato ancora da ritardi nella percezione delle
prestazioni e nell’attuazione dei provvedimenti statali, abbiamo, ancora una volta, dimostrato che il sistema della bilateralità può contribuire a svolgere un importante ruolo di supporto per le realtà economiche del Terziario- dichiarano le Parti sociali firmatarie dell’accordo territoriale straordinario, Confcommercio Bologna, Filcams Cgil Bologna, Fisascat Cisl Area metropolitana Bolognese e Uiltucs Emilia Romagna.