La UILTuCS Emilia-Romagna si prefigge di rappresentare le lavoratrici e i lavoratori del terziario. Dare forza al lavoro.

Indirizzo
Via delle Lame, 98 – 40121 – BOLOGNA (BO)

Informazioni per i contatti
Email: [email protected]
PEC: [email protected]
Telefono: 051/550502
Fax: 051/550918

Altre informazioni
E’ aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 (festivi esclusi)

Telefono 051/550502 – Fax 051/550918

Image Alt

UILTuCS ER

  /  Notizie   /  Ebiterbo, interventi straordinari a sostegno del reddito dei lavoratori duramente colpiti dall’emergenza Coronavirus

Ebiterbo, interventi straordinari a sostegno del reddito dei lavoratori duramente colpiti dall’emergenza Coronavirus

In un periodo dove paura e diffidenza viaggiano ad alta velocità e “con il vento sempre in poppa”, noi siamo convinti – per parafrasare un celebre aforisma – che solidarietà ed attenzione ai bisogni degli altri siano la ricetta più efficace per tornare alla necessaria normalità e garantire che “il sole ci risplenda il viso e che il vento del destino ci porti in alto a danzare con le stelle”.

Un primo modo per rispondere solidalmente oggigiorno ai bisogni urgenti dei lavoratori è rappresentato senza dubbio dalla quotidiana attività sindacale, che tutti noi esercitiamo con convinzione e pervicacia tra i lavoratori e nei luoghi di lavoro (oggi ricorriamo assai spesso ad un incontro con modalità virtuali online, ma non per questo motivo le persone diventano meno reali nella loro umanità o meno concrete nei loro bisogni): lavoratrici e lavoratori che, nel migliore dei casi, subiscono costantemente da qualche mese una riduzione significativa del loro salario per effetto della cosiddetta crisi Covid.

Oltre alla tradizionale attività sindacale un altro modo, a nostro giudizio, altrettanto efficace di offrire risposte concrete ed efficaci alle esigenze dei lavoratori può essere rappresentato dalle prestazioni offerte dagli enti bilaterali: i quali sono stati ideati per elaborare con formule che potremmo definire mutualistiche alcune soluzioni in materia di sostegno al reddito e welfare contrattuale ai lavoratori dei nostri settori del terziario, del turismo e dei servizi in genere.

Nel ricco panorama nazionale della bilateralità – che potremmo affermare essere caratterizzato da un complesso e dinamico arcipelago di enti bilaterali, differenti tra loro non solo per dimensione, ma anche per ambito di applicazione, settore di specifica competenza, tipologia di prestazioni offerte e possibilità di spesa – EBITERBO, l’ente bilaterale del commercio di Bologna, rappresenta da molto tempo uno dei punti fermi per dimensione e per l’alta qualità delle prestazioni di FSR e welfare offerte ai lavoratori del territorio felsineo.

Restando nel perimetro territoriale della nostra regione Emilia Romagna, oltre ad EBITERBO, che ben si accompagna con gli altri nove enti provinciali del commercio, sono almeno tre gli altri Enti Bilaterali di dimensione regionale che rappresentano da molto tempo con gli EE.BB territoriali punte di altrettanta eccellenza nel panorama della bilateralità dello stivale italico: EBURT, EBTER ed EBIVER.

In tempo di Covid e di esigenze concrete che necessitano di risposte immediate e puntuali, le opportunità offerte dalla galassia della bilateralità si moltiplicano garantendo una prima risposta alle migliaia di lavoratori colpiti e affaticati dalla pandemia.

In data 27 agosto FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTuCS UIL dell’area metropolitana di Bologna, presenteremo unitariamente le nuove prestazioni di EBITERBO, le quali ad esempio per un lavoratore full time a tempo pieno potrebbero anche garantire prestazioni per un importo pari a ben novecento euro.

Il consiglio esecutivo di EBITERBO – nel quale sono presenti pariteticamente rappresentanti delle tre organizzazioni sindacali confederali di categoria e dell’associazione datoriale che sottoscrive con noi il contratto collettivo nazionale di lavoro del commercio – sono state elaborate alcune nuove prestazioni tra cui l’integrazione individuale a coloro che hanno fatto cassa integrazione o FIS, nonché un contributo per coloro che sostengono la spesa di un mutuo o di un affitto per la loro abitazione.

Inoltre, un contributo economico per coloro che hanno usufruito di permesso non retribuito per accudire i figli, che – com’è noto – in questo periodo non hanno frequentato scuole o asili.

Speriamo che la presenza ad una delle due assemblee possa essere numerosa e partecipata, non solo per l’importanza dei temi trattati, ma anche perché rappresenta un primo esperimento ad elaborare nuove forme di partecipazione collettiva utilizzando i nuovi strumenti di comunicazione.

Per ora buone vacanze di serenità a tutti.

icona_pdf Assemblea Unitaria Lavoratrici e Lavoratori aderenti ad Ebiterbo

icona_pdf Accordo Ebiterbo FSR Territoriale Straordinario del 14-7-2020