Benessere lavorativo ad ogni età!

Approfondimenti e buone pratiche

Un utile opuscolo, realizzato dal Comitato unico di garanzia dell’Inail con l’obiettivo di fornire informazioni di base sui cambiamenti dovuti all’età, definirne le dimensioni chiave per una corretta gestione nei luoghi di lavoro e illustrare le buone pratiche sviluppate dall’Istituto per garantire benessere lavorativo a tutti i lavoratori di tutte le età.

La forza lavoro europea sta invecchiando. Entro il 2030 in molti paesi le persone di età compresa tra 55 e 64 anni costituiranno almeno il 30% dei lavoratori e l’Italia è oggi uno dei paesi più anziani dell’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), ma lo sarà ancora di più nei prossimi anni a causa di un’accelerazione del processo di invecchiamento della popolazione.
 
L’età pensionabile in aumento comporta una prolungata permanenza nei luoghi di lavoro e una maggiore esposizione ai rischi professionali.

L’adattamento degli ambienti lavorativi alle singole capacità, competenze e allo stato di salute delle persone, l’utilizzo delle nuove tecnologie a supporto dei lavoratori, la tutela della salute e della sicurezza nonché le politiche per la formazione continua e per la promozione del benessere lavorativo rappresentano elementi cruciali, attraverso un approccio che cominci ben prima dell’età matura.

Consulta l’opuscolo: